Bangkok un mese dopo: le Camicie Rosse ricordano le proprie vittime

E’ passato un mese esatto. Il 19 maggio scorso l’esercito thailandese poneva fine alle proteste delle Camicie Rosse che avevano occupato il centro di Bangkok per molte settimane. Una fine violenta con circa 90 morti e più di 1800 feriti in due mesi. Una fine che ha lasciato il paese diviso politicamente e socialmente.

BANGKOK – Le Camicie Rosse hanno ricordato le loro vittime presso il tempio di Prathum Wanaram, a Bangkok, ad un mese esatto dagli scontri con l’esercito. A poche decine di metri dall’ incrocio di Ratchaprasong, dove aveva sede il cuore delle loro manifestazioni, alcune centinaia di Thailandesi hanno commemorato i defunti pregando e deponendo rose accanto ad una maglietta rossa sporca di sangue appartenuta ad una vittima. Un luogo scelto non a caso: nel tempio di Pratun Wanaram molti “rossi” avevano trovato rifugio il 19 maggio, mentre l’offensiva dei soldati irrompeva nell’area da loro occupata. Il tempio era stato dichiarato “zona sicura”, ma inspiegabilmente violenti scontri a fuoco sono avvenuti al suo interno nel tardo pomeriggio, quando l’esercito aveva già liberato l’area occupata dalle Camicie Rosse e quando i leader anti-governativi avevano già dichiarato la resa. Almeno sei civili sono morti nel tempio, tra cui un operatore sanitario. Una commissione d’inchiesta governativa dovrà fare luce su questo e su altri episodi di violenza avvenuti nel paese. Le Camicie Rosse hanno per mesi dimostrato contro l’attuale primo ministro Abhisit Vejjajiva perché, dicono, voluto dai militari a seguito di un colpo di stato che aveva deposto Thaksin Shinawatra, ora in esilio volontario in Serbia. (ARo)

Share

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...